MAGNETOPICCOLA

GRAVIDANZA,TUBERCOLOSI,DIABETE,CARDIOPATIA,TUMORI

PACEMAKER,EPILESSIA,PROTESI NON AL TITANIO

MAGNETOTERAPIA

Le apparecchiature per magnetoterapia generano un campo magnetico a bassa frequenza (regolabile da 1 a 100 (Hz)
e intensità fino a 100 Gauss per singola uscita,
che genera effetti benefici specialmente sulla rigenerazione dei tessuti e tessuti ossei.

  • RATTURE RECENTI E RITARDI DI CONSOLIDAZIONE: I campi magnetici, stimolando l’attività osteogenetica a livello della rima di frattura, accelerano i tempi di consolidazione delle fratture in una percentuale altissima di casi.
  • PSEUDOARTERIOSI: E’ stato dimostrato che i campi magnetici sono efficaci nel trattamento delle pseudoartrosi.
  • MORBO DI SUDECK E OSTEOPOROSI: La magnetoterapia è risultata efficace nell’80 % dei casi di morbo di sudeck e nel 70 % delle osteoporosi.
  • ARTROPATIE DI NATURA INFIAMMATORIA E DEGENERATIVA: Rappresentano un’indicazione al trattamento con magnetoterapia sia le artropatie di natura infiammatoria che degenerativa. Risultati positivi si hanno nell’artrite reumatoide localizzata alle mani e alle ginocchia, nella spondilite anchilopoietica, nella gonartrosi e nell’artrosi lombare.
  • ARTERIOPATIE OBLITERANTI: I campi magnetici risultano efficaci nelle patologie vascolari grazie alla loro influenza sul flusso ematico e sul microcircolo.
  • PSORIASI: La psoriasi risponde positivamente a questa terapia nel 60% dei casi.

Le apparecchiature per magnetoterapia generano un campo magnetico a bassa frequenza (regolabile da 1 a 100 (Hz) e intensità fino a 100 Gauss per singola uscita, che genera effetti benefici specialmente sulla rigenerazione dei tessuti e tessuti ossei.

Continuando ad utilizzare il sito , l'utente accetta l'uso di cookie. ulteriori info

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito

chiudi